Il sessantotto a San Gimignano

Il pomeriggio del 24 Febbraio 2018 a San Gimignano si è tenuto un incontro-dibattito sul Sessantotto.

il sessantotto a San Gimignano
L’assessore Carolina Taddei, il professor Enzo Linari e gli studenti della VBP (da destra: Marika Colaps, Clara Imbimbo, Antonio Corcione, Carmine Reccia)

La sala del consiglio del comune ha ospitato professori, studenti, membri della Società Storica della Valdelsa (curatrice insieme al comune dell’evento) ma anche chi il ’68 l’ha vissuto veramente. Tra documenti dell’epoca, testimonianze e ricordi personali l’incontro si è svolto in maniera dinamica, in modo da ricostruire gli aspetti salienti di tale periodo storico, caratterizzato da una profonda complessità in Italia e nel mondo.

Foto 2) Foto del pubblico, in primo piano Gianna Coppini
Foto del pubblico, in primo piano Gianna Coppini

Il professor Linari ha aperto il pomeriggio con un’ampia contestualizzazione di stampo economico-agricolo del San Gimignano sessantottino, accompagnata da numerosi cenni storici e dalle letture degli studenti. In seguito i giovani dell’Istituto San Giovanni Bosco di Colle di Val d’Elsa hanno contribuito all’incontro con un intervento arricchito da foto d’epoca, riprese dai libri Il Sindaco di Roberto Fanciullini e Il popolo di volti, realizzato dall’associazione Pro Loco di San Gimignano. L’intenzione era quella di donare alla giornata la freschezza e l’energia tipiche del periodo analizzato e completare con un approccio giovanile la descrizione dei fenomeni storici e sociali già citati dai vari interventi. Mentre le ragazze della Quinta C del Liceo linguistico hanno improntato il loro commento su aspetti politici e artistici, suscitando qualche spunto critico nella sala, le alunne della Quinta del Liceo Economico Sociale si sono concentrate sulla musica e la moda del ’68.

Le ragazze della VCP, Francesca Biancucci e Armela Kenga, intervistano Maurizio Masini
Le ragazze della VCP, Francesca Biancucci e Armela Kenga, intervistano Maurizio Masini

Inoltre, gli aneddoti veritieri di Gianna Coppini e Maurizio Masini hanno sensibilizzato i presenti ed hanno permesso di delineare un quadro realistico dell’epoca.

Con simpatia, le chitarre di Carlotta Francini, Irene Campidori e Filippo Marri hanno creato una coinvolgente atmosfera sessantottina, grazie alla canzone del ’68 “Yellow Submarine” dei Beatles.

Il gruppo alle chitarre esegue “Yellow Submarine” dei Beatles (da destra Filippo Marri, Carlotta Francini, Irene Campidori)
Il gruppo alle chitarre esegue “Yellow Submarine” dei Beatles (da destra Filippo Marri, Carlotta Francini, Irene Campidori)

 

Le ragazze della VCP presentano la musica e la moda del 68 (da destra Francesca Biancucci, Martina Agnorelli, Armela Kenga)
Le ragazze della VCP presentano la musica e la moda del 68 (da destra Francesca Biancucci, Martina Agnorelli, Armela Kenga)

Il pomeriggio ha riscosso un discreto successo, come hanno dimostrano diversi commenti positivi; tra tutti quello di Carolina Taddei, Assessore alla cultura di San Gimignano: “Bravi e appassionati gli studenti, belle le testimonianze dei sangimignanesi. Parleremo ancora del ’68, fa ben sperare per il futuro“.

Le ragazze della VCL presentano alcuni aspetti politici ed artistici del 68 (da destra Carlotta Francini, Eugenia Paoli, Agata Guerrini)
Le ragazze della VCL presentano alcuni aspetti politici ed artistici del 68 (da destra Carlotta Francini, Eugenia Paoli, Agata Guerrini)

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *